Le linee sinuose del barocco boemo

Foto CzechTourism

Southern Bohemia, Holašovice, UNESCO, l’architettura tipica di un villaggio

Tra i più interessanti stili architettonici dell’Europa centrale, il barocco boemo determina la fisionomia della Repubblica Ceca sia nelle strutture urbane che in quelle rurali coniugando la cultura seicentesca romana e le tradizioni viennesi con quelle locali.

 

HOLASOVICE, BAROCCO DI CAMPAGNA

Tra i prodigi del barocco boemo, la straordinaria capacità di sconfinare anche in campagna e rendere elegante anche l’architettura rurale. Sotto tutela Unesco, Holasovice è un borgo-gioiello in Boemia meridionale, alle porte di Ceske Budejovice. Si tratta di un esempio raro di architettura rurale funzionale al lavoro di campagna: una grande piazza rettangolare su cui si affacciano 23 fattorie che raggruppano 120 edifici (stalle, fienili, alloggi per gli anziani, scuderie) collegati tra loro da muriccioli, archi e portoni. Fondato nel XIII secolo, il villaggio è oggi considerato il miglior esempio di architettura popolare barocca della regione, rinomata per le attività agricole e artigianali fin dal Medioevo. Molti edifici si presentano oggi nelle fattezze originarie (facciate colorate, frontoni ondulati e dipinti…), solo una piccola parte è stata restaurata o rimaneggiata nel XIX secolo, mentre la cappella intitolata a San Giovanni Nepomuceno è stata aggiunta al complesso nel 1755. Non un villaggio-museo, ma un centro tuttora abitato, dove scorre laboriosa la vita di campagna. Altri dettagli ai siti www.holasovice.eu e www.jiznicechy.cz.

 

CESKE BUDEJOVICE, BAROCCO DI CITTA’

 Non si può lasciare Holasovice senza mettere in conto una visita alla vicina città di Ceske Budejovice, il cui nucleo storico è ricco di preziosi edifici ecclesiastici e laici. La piazza è una delle maggiori nell’Europa centrale: ha la forma di un quadrato quasi perfetto e al centro la fontana barocca di Sansone, la più grande di questo tipo in Cechia. A pochi metri dalla fontana troviamo, inserita nel selciato della piazza la “pietra errante”: la leggenda narra che chi, dopo le 10 di sera, la calpesti inavvertitamente non possa più ritrovare la strada di casa. Eccezionali sono il municipio barocco e il porticato, che corre tutt’attorno alla piazza. Vale la pena di salire sulla Torre Nera, con il ballatoio che corre a un’altezza di 46 metri.

Třebíč, UNESCO, Czech-Moravian Highlands

TREBIC, BAROCCO NEL GHETTO.

Tra tutti quelli censiti in Europa, il quartiere ebraico di Trebic, in Moravia, è il meglio conservato in assoluto. Pregevole complesso urbano, sotto l’effige Unesco, il quartiere di Zamosti si distende tra il fiume Jihlavka e la collina Hradek. Un percorso didattico conduce lungo le due vie principali e attraverso vicoli, vicoletti e passaggi coperti tra le case e le sinagoghe barocche. Solo 3 edifici del quartiere sono andati perduti, il resto è ancora tutto lì: abitazioni, rabbinato, scuola, fabbrica, ospedale, macello, conceria e cimitero. Altri dettagli ai siti www.kviztrebic.cz e www.trebic.cz.

 

http://italy.czechtourism.com