LA FRANCIA PUNTA SULLA CULTURA

Presentati a Roma, a Villa Bonaparte, i sette punti di forza

wp_20161004_18_23_44_pro-copia

 Villa Bonaparte a Roma, Ambasciata di Francia presso la Santa Sede. Da sinistra Frédéric Meyer, direttore Atout France per Italia e Grecia, l’Ambasciatore S.E.M. Philippe Zeller e Barbara Lovato Responsabile Ufficio Stampa e P.R. Atout France

 

Testo di Teresa Carrubba

E’ stato S.E.M Philippe Zeller, Ambasciatore di Francia presso la Santa Sede ad aprire le porte della bellissima Villa Bonaparte a Roma, familiarmente conosciuta come Villa Paolina perché è qui che la sorella dell’imperatore francese Napoleone dimorò a lungo insieme a sua madre Letizia. L’occasione è stata la presentazione alla stampa turistica e agli ospiti d’onore, il 4 ottobre scorso, del Cluster Cultura di Atout France con 7 nuovi itinerari culturali per il 2017, alla presenza di Frédéric Meyer, direttore Atout France per Italia e Grecia. Oltre 40.000 monumenti, 8.000 musei, di cui 1.218 “musei di Francia”, 500 festival, eventi teatrali, concerti, spettacoli di danza, costituiscono l’ingente offerta culturale francese, che dai prossimi mesi si concentrerà su sette punti cardine. Il Castello di Clos Lucé, nella celeberrima Valle della Loira, che negli ultimi anni si è identificato come base per lo studio e la divulgazione dell’opera di Leonardo da Vinci che qui si stabilì nel 1516 su invito di Francesco I, portando con sé manoscritti, codici e tre suoi capolavori: Sant’Anna, San Giovanni Battista e la Gioconda. Il Castello di Clos Lucè si fa promotore di un programma culturale a vari livelli tra il 2016 e il 2019, tanto durerà la celebrazione dei 500 anni dall’arrivo al castello del grande artista e scienziato.

40112915-copia

 Il Castello di Clos Lucé

Stesso legame con il genio di Leonardo lo ebbe un altro castello della Loira, quello della Corte reale di Amboise dove egli soggiornò fino al 1519 e dove, su sua volontà, fu sepolto. Il Castello di Amboise, sulla scia delle celebrazioni leonardesche, allestirà un Natale singolare riecheggiando l’atmosfera rinascimentale del XIX secolo, con un pregiatissimo presepe napoletano d’epoca. Proiettandosi verso l’estate 2017, sono in programma al Castello vari festival musicali e uno spettacolo storico in costume dal titolo intrigante: “ La profezia d’Amboise”. Nel Cluster Cultura presentato da Atout France non potevano mancare i musei di Parigi, raggruppati nella struttura pubblica Paris Musées. Quattordici musei che propongono, in esibizioni permanenti o temporanee, l’eccellenza delle arti: classica, moderna, arti decorative ed opere orientali.

pi5940-hr-copia

 Il Castello di Amboise . Foto: www.all-free-photos.com

Da non perdere la mostra al Petit Palais “Oscar Wilde. L’impertinente assoluto” (fino al 15 gennaio 2017), e “Derain, Balthus, Giacometti” al Museo d’Arte Moderna, da giugno a ottobre 2017, ed altro ancora. Il CMN (Centro dei Monumenti Nazionali), gestisce oltre 100 tra monumenti e siti storici, molti dei quali inseriti nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, come il castello e le mura della città di Carcassonne, l’Abbazia della Sauve-Majeure e l’opera architettonica di Le Corbusier, compresa Villa Savoye, appena fuori Parigi. Tra le 7 proposte di Atout France è annoverato anche il Parco Zoologico di Parigi, organizzato in cinque bio-zone (Patagonia, Sehel-Sudan, Europa, Guyana, Madagascar). Ospita attualmente oltre 2.000 animali di 179 specie, anche rare. Le Havre, con l’architettura di Perret, Patrimonio dell’UNESCO, celebra quest’anno i 500 anni dalla fondazione, con iniziative ed eventi che si snoderanno dal 27 maggio al 5 novembre 2017.

france_paris_petit_palais_renove_entree_02-copia

 Petit Palais

Un motivo in più per ammirare l’affascinante baia di Le Havre, l’estuario della Senna e il MuMa, Museo d’Arte Moderna. Infine, in considerazione dei dati forniti dall’Organizzazione Mondiale del Turismo secondo i quali il 37% dei viaggi in Francia hanno scopo culturale e molti di questi attengono al tema religioso, nella promozione delle destinazioni francesi non potevano mancare i Cluster Spiritualità. la Francia ha un ingente patrimonio di monumenti (monasteri, abbazie, cattedrali, chiese) tra cui oltre 10 mila siti classificati Monumenti Storici Protetti e siti religiosi, uno tra tutti, Lourdes. Il Cluster Spiritualità nasce come strumento imprescindibile nella strategia delle destinazioni francesi

 

ATOUT FRANCE – France Tourism Development Agency

Ente per lo sviluppo del Turismo Francese

www.france.fr